Tanti modi per farti sorridere

Scopri tutti i tipi di intervento

Copertura radicolare

Nel caso la gengiva si riassorba e cali, questo intervento di microchirurgia permette di farla tornare nella posizione ideale.
Le tecniche rigenerative prevedono che in alcuni casi bastino delle microincisioni, mentre altre volte si ricorre a innesti di piccole porzioni di tessuto, con le quali riabilitare la gengiva.

La copertura radicolare è un intervento di microchirurgia

Si ricorre alla copertura radicolare quando la gengiva si riassorbe e retrocede
Può succedere che, per una serie di fattori, le gengive del paziente possano tendere a ritirarsi o recedere: si tratta delle cosiddette recessioni gengivali.
Nei casi più gravi, succede che una parte della radice del dente si ritrovi con sempre meno tessuto delle gengive, che invece dovrebbero ricoprirla. L’effetto di questo fenomeno è visibile a occhio nudo, poiché – per effetto del ritirarsi delle gengive – i denti appaiono evidentemente più lunghi.
Niente paura, però: se sei affatto da questo tipo di patologia, puoi trovare un’efficace soluzione al tuo problema rivolgendoti a Matteo Frozzi e ai professionisti che lo coadiuvano all’interno degli Studi Dentistici Dr. Frozzi di Vicenza, Cento e Ferrara: tramite alcune tecniche di microchirurgia, gli specialisti degli Studi Dentistici Dr. Frozzi sono in grado di ripristinare una copertura radicolare perfetta, facendo tornare le gengive della loro collocazione originaria.

Per effettuare una copertura radicolare efficace è prima necessaria una diagnosi accurata
Come spesso accade quando si parla di situazioni legate alla nostra salute, anche nel caso della copertura radicolare, il fatto di poter contare su una diagnosi accurata e tempestiva può giocare un ruolo decisivo nella risoluzione ottimale della patologia. Inoltre, solamente dopo aver sottoposto il paziente a un’attenta analisi è possibile – per l’odontoiatra – stabilire con certezza quale sia la tecnica più adatta per garantirgli il risultato migliore.

Ma vediamo le cause che possono contribuire a determinare la recessione della gengiva
Per scongiurare il rischio di doversi sottoporre a un trattamento di copertura radicolare è necessario impedire che le gengive si riassorbano. Vediamo quindi quali comportamenti e quali abitudini possono agevolare e favorire il recesso gengivale:

  • innanzitutto, è importante imparare a spazzolare i denti in modo adeguato, evitando quindi di spazzolarli orizzontalmente oppure dal dente verso la gengiva
  • lo spazzolino deve avere le setole morbide, così da agire con meno aggressività su denti e gengive
  • il bruxismo – il fenomeno, cioè, per cui si tende a digrignare i denti, spesso per via di stress e tensioni – è un altro fattore di rischio
  • la gengivite
  • la parodontite può essere considerata sia una causa, sia come una conseguenza del riassorbimento gengivale

La recessione gengivale può coinvolgere tutti i denti o ce ne sono di maggiormente a rischio?
In linea di massima possiamo affermare che – potenzialmente – tutti i denti possono essere colpiti da questa patologia delle gengive che si ritirano, e quindi necessitare di un trattamento di copertura radicolare.
Tuttavia c’è sicuramente una maggiore casistica che riguarda i denti premolari e i denti canini.

Ecco cosa succede se la recessione gengivale non viene curata
Come abbiamo visto, col termine tecnico “recessione gengivale” si intende ciò che più comunemente chiamiamo “gengive ritirate”. Questa patologia si verifica quando la gengiva tende a retrocedere verso l’alto, cioè verso la radice, lasciando così il dente sempre più scoperto. Le conseguenze principali sono due, la prima di ordine estetico e la seconda di tipo funzionale: dal punto di vista puramente estetico, il sorriso risulta seriamente compromesso in quanto i denti coinvolti sembrano molto più lunghi del dovuto; dal punto di vista funzionale, invece, la gengiva ritirata può comportare ipersensibilità, infiammazioni e piorrea.

In cosa consiste il trattamento di copertura radicolare
I trattamenti rigenerativi messi in atto da Matteo Frozzi e dai collaboratori che lo seguono negli Studi Dentistici Dr. Frozzi di Vicenza, Cento e Ferrara si basano sulle tecniche più all’avanguardia: a seconda della situazione clinica del paziente, il trattamento di copertura radicolare può consistere semplicemente in una serie di microincisioni, nel caso la situazione non sia seria; ma, nei casi più compromessi, può anche dover comportare dei veri e propri innesti di parti di tessuto che vengono utilizzate per ripristinare la gengiva che si è ritirata. Matteo Frozzi e i suoi specialisti analizzeranno il tuo caso e sapranno consigliarti per il meglio.